Le tradizionali luminarie salentine accendono di colori i Fossati del Castello Aragonese di Otranto

Le luminarie, straordinario prodotto artistico dell’artigianato italiano e simbolo della tradizione culturale del Salento, vestiranno di nuova luce i Fossati del Castello Aragonese di Otranto: una delle location più belle e suggestive della città. Il percorso luminoso, che si svilupperà nel tratto che va da Via delle Torri a Torre Matta, è a cura della storica azienda De Cagna, le cui opere sono ammirate da milioni di persone in tutto il mondo.

Per l’intera durata del Luminarie Otranto Festival, i Fossati si trasformeranno in un itinerario extrasensoriale attraverso il quale sarà possibile rivivere la magia del Natale e rendere omaggio ad un oggetto simbolo di una tradizione centenaria.

L’allestimento del LOF 2021 sarà un trionfo di luci, uno spettacolo unico e  straordinario che accenderà di colori i Fossati del Castello Aragonese Lungo un percorso che si svilupperà per più di 500 mt, sarà possibile ammirare un susseguirsi di installazioni pronte a far provare molteplici sensazioni, dando anche la possibilità di interagire e di fermarsi per ammirare da vicino tutti i vari “soggetti”.

Luminarie Otranto Festival 2021, alcune installazioni luminose in anteprima.

Il percorso luminoso del Luminarie Otranto Festival

L’ingresso sarà caratterizzato da un tunnel di luminarie: il varco attraverso il quale si inizierà il magico percorso luminoso disseminato di aree di sosta dove sarà possibile fare foto ricordo e ammirare le “sculture di luce”.

Protagoniste dell’intero allestimento saranno quattro opere, metafora di temi di particolare rilevanza: La Speranza, La Ripresa, La Rinascita e La Famiglia.

E poi ancora la giostra, la macchina d’epoca, la mongolfiera, gli animali 3D, il pinguino interattivo, le renne in volo e i soggetti marini. Tutto per goia di grandi e bambini!

 

Le installazioni luminose più suggestive da vedere al Luminarie Otranto Festival 2021 – 2022

 

La Torre della
Rinascita

L’opera si sviluppa su su tre livelli. Il primo, più grande a base quadrata, presenta sul profilo in sporgenza 8 punte stellate. Nel secondo livello, la dimensione si dimezza assumendo la forma di un quadrifoglio. Il terzo livello, quello più piccolo, “chiude” la struttura con una stella a quattro punte. La scultura di luce simboleggia la rinascita attraverso l’elevazione verso il cielo. Da sempre, il terreno tende al Celeste per avvicinarsi a Dio e trovare la salvezza.

Tunnel Luce della Speranza

Il progetto rappresenta un tunnel luminoso lungo 12 mt,. impreziosito da arcate di luce e colore. Simboleggia appunto  la speranza, perché uscire dai periodi bui si può, basta percorrere “il tunnel” senza mai perdere di vista la luce dell’ottimismo.

La Ricerca

È raffigurata da un cubo di 4,70 metri per lato e caratterizzata da due coni ottici centrali attraverso i quali riuscire a vedere oltre gli schemi e gli stereotipi imposti (rappresentati appunto dal cubo), l’opera è sormontata dalla luminaria denominata quadrifoglio che funge da antenna catalizzatrice di nuove prospettive.

La Famiglia

È la rappresentazione del nucleo sociale per eccellenza: la famiglia, quello più importante. Quello da cui ha origine la conoscenza. L’amore. I valori umani. L’opera è alta 6,40 mt e larga 5,60 mt ed è la composizione di quattro cerchi concentrici, poiché tutto gira intorno alla famiglia. Un legame solido e indissolubile.